ISTANBUL…per Sognare

M SOCIAL MAGAZINE in ogni numero in edicola vi parla anche di una città da scoprire, nel n°1 abbiamo parlato di Istanbul, vi riproponiamo anche nella versione online l’articolo…

Se non siete mai stati nel paese delle meraviglie, Istanbul è il luogo ideale dove mare, città, storia e cultura si uniscono rivelando luoghi, atmosfere ed emozioni uniche. Si tratta di una città cangiante e camaleontica, fatta di colori, sapori, odori, mescolanza di civiltà, religioni ed etnie, antico e moderno, bellezze naturali ed edifici sorprendenti che catturano ed affascinano immediatamente. Questa città naturalmente romantica, da sola vi offre un mondo di opzioni, partendo da una bella passeggiata serale sulla riva del Bosforo con la vista del ponte tutto illuminato, ad un giro romantico in battello su questo stretto, al tramonto o di sera.

La primavera e l’autunno sono le stagioni migliori per visitare questa
straordinaria città posta sulle rive del Bosforo!

La sua tipicità è data dal fatto che è una città posta su due continenti, quello asiatico e quello europeo, che la rendono così eclettica ma che mostrano la faccia di una stessa medaglia, assolutamente da vedere e comprendere nella sua totalità culturale e storica.

Istanbul è una città storicamente importantissima

che è stata capitale dell’Impero Romano prima, dell’Impero Romano d’Oriente e poi Latino, fino all’Impero Ottomano. Questo miscuglio di Imperi e civiltà hanno contribuito a renderla così bella, unica e seducente. Alcuni dei suoi quartieri storici sono addirittura nella lista dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Il quartiere più vecchio in assoluto, che afferisce all’epoca ottomana, è Üsküdar, una zona meravigliosa con circa 200 moschee, che incantano lo sguardo e riempiono il cuore di emozioni forti. Un altro quartiere assolutamente da non perdere è quello ebraico, fatto di case di legno che costeggiano il Bosforo.

Qui convivono con grande rispetto, tolleranza e civiltà, religioni diverse e distanti tra loro.

I monumenti irrinunciabili da vedere sono la Moschea Blu, che prende questo nome dalle bellissime maioliche di Nicea, prevalentemente blu, che ne decorano l’interno; la Piccola Santa Sophia, è una delle opere architettoniche più grandi del mondo.

La chiesa, in stile bizantino, fu fatta costruire dall’imperatore Giustiniano e trasformata in moschea nel XV secolo. Il Palazzo Topkapi, dove ha abitato Maometto il Conquistatore e che fu sede dei sultani per 400 anni, è un edificio affascinante composto da corridoi, chioschi, giardini, harem e tesori da mozzare il fiato.

Ovviamente chi si trova a Istanbul non può
non andare ad un bagno turco!

Ce ne sono tanti ma il più suggestivo forse quello di Cagaloglu, realizzat tre secoli fa dal sultano Mehmet I.

Da non perdere il suggestivo e antichissimo “Gran Bazaar”, un mercato in cui sarà l’aria magicamente orientale che si respira a emozionare chi lo visita.

Un brulicare di viuzze, quasi labirintiche, in cui si possono trovare lampade, maioliche, tappeti, gioielli, tessuti, pellami e spezie. Ci sono souvenir per tutti i gusti, per tutti i budget.

Infine due parole sui piatti tipici del luogo, che molti conoscono perché oramai sdoganati in tutta Europa: il Kebab, il dolce Baklava e il Ravi, che mangiati sul posto,

magari di fronte
al bellissimo panorama del ponte sul Bosforo,
hanno tutto un altro sapore.

 

I commenti sono chiusi.